Sono molto triste stasera. Non ne ho mai parlato, di Daniela, nella mia seconda famiglia. E sì che lei ha visto nascere la prima, quella finita con una rottura irreparabile. Ma il legame con quel paesino steso al sole sulle colline non si è mai interrotto: per me lì ci sono suoceri, o almeno il […]

Read More →

Pronto soccorso Si chiama “pronto” soccorso. Non “tardo soccorso”, “lento soccorso”, “lungo soccorso”. “Pronto” ha un preciso significato, e non credo sia quello di una risposta telefonica. Sicuramente, non dovrebbe voler dire che in un “pronto” (mi vien sempre male dirlo) soccorso ci si stia nove ore. E ne ho sentite anche di peggio, perché […]

Read More →

Mi sto sfacendo di telefilm, e siccome una cosa alla volta mai, anche se due sono poche cerco di scrivere post su un tablettino con quel simpaticone di Android. Che se potessi lo cancellerei dalla faccia della terra da quanto è simpatico! Monk lo so a mente, ma riesce ancora a farmi sorridere, nonostante che […]

Read More →

Certo che alla mia età, anche se io mi definisco sempre “meno giovane”, per non dire quell’altra parola…. non è tanto decoroso, quindi non lo dite a nessuno. Mi raccomando. Ieri, sola qui in camera, malata da giorni, mi son venute a mente le coccole che mi faceva la mamma, che quando stavo male ero […]

Read More →