have you ever seen the rain

Have you ever seen the rain?

Basta. Ho provato a continuare il puzzle, cantando a squarciagola, ma alla fine le mani ci sono andate da sole, sul mouse, e via nel programma di scrittura. Lo devo fermare, questo momento.

Siccome posso, qui in campagna, mettere l’audio a manetta; solo che se canto e ballo viene male, a scrivere!

Ora ci sono i Creedence (Clearwater Revival): I would know, have you ever seen the rain, ma sono passati James Brown, Brian Auger, Schubert, l’Ave Verum di Mozart, Megan Trainor, Giovanotti…

Con Schubert, la Sesta, scappa il momento del direttore pazzo, io, quando ci credevo, che ce l’avrei fatta, a compiere gli studi di direzione d’orchestra, quando avevo trovato un maestro “pazzo” come me, che mi ha capito come nessuno e mi ha aperto le porte dei concerti angelici. Nel senso che mi sentivo in Paradiso. Assistevo alle prove come imboscata, al Conservatorio di Cagliari, e il primo violino mi aveva perfino consigliato di studiare direzione, che ci ero portata… avesse saputo! Le barzellette che si raccontavano gli orchestrali, e gli allievi “regolari”, c’era quello che rallentava e ci volevano le spinte a rimetterlo a tempo, e a me che mi prudevano le mani. Poi il metodo, poi la separazione: il Maestro fu l’unico a venirci a salutare al porto di Cagliari, la bambina in braccio teneva una rosa in mano, per me.

E Brian Auger, e io che nel complesso ero riuscita a suonare “Save me” come lui, che il nostro manager portava i complessi locali alle prove, che non ci credevano, ricordo le bocche spalancate e qualcuno che non si tratteneva: “allora è vero!”

E James Brown, che ha fatto appena in tempo a sentirlo ad Alghero: avevo preso il biglietto sbagliato, quello di Zelig della settimana precedente, meno male che mi salvò mio figlio portandomi il giusto in motorino! Nei miei primi post, quello intitolato “Ghidappa!” era dedicato a lui.

Una vita, ripercorsa in un’oretta di playlist: che strano, ai miei malesseri, in quest’ora, non ci ho pensato più! Che devo fare? Passare la mia vita cantando e ballando? E i biscotti chi li fa?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Completa l\'operazione per inviare *